Domande Frequenti

Cosa si intende dire con sito web "accessibile" e "portabile"?

Il termine è comunemente associato alla possibilità anche per persone con ridotta o impedita capacità sensoriale, motoria, o psichica (in termini generali disabile o diversamente abile sia temporaneamente sia stabilmente), di fruire dei sistemi informatici e delle risorse software a disposizione. Il termine ha trovato largo uso anche nel settore di Internet col medesimo significato.

I documenti scritti in XHTML e validati sono naturalmente più accessibili. Da una parte la validazione richiede l'uso obbligatorio di funzionalità come il testo alternativo per le immagini. Dall'altra, una pagina che evita elementi non standard, ben definita nella struttura è di gran lunga meglio gestibile da browser alternativi come quelli vocali o testuali.

Nel web, un sito web accessibile facilita l'accesso ad individui con ogni tipo di disabilità, ma anche ad individui non affetti da patologie. Più nello specifico:


  • Utilizza un codice semanticamente corretto, logico e validato secondo i parametri del W3C.
  • Utilizza testi chiari, fluenti e facilmente comprensibili.
  • Utilizza testo alternativo per ogni tipo di contenuto multimediale.
  • Sfrutta titoli e link che siano sensati anche al di fuori del loro contesto (evitando, ad esempio, link su locuzioni come "clicca qui").
  • Ha una disposizione coerente e lineare dei contenuti e dell'interfaccia grafica

Portabilità è la capacità/possibilità di un documento di essere visualizzato e implementato efficacemente su diversi sistemi: PC, PDA, cellulari WAP/GPRS, WebTV. Ora, se pensate alle limitazioni in termini di memoria, ampiezza dello schermo e usabilità di un terminale mobile, capirete perchè è importante un linguaggio essenziale, centrato sulla struttura del documento, privo di orpelli inutili. Ciò che ha senso è avere un titolo della pagina, un'intestazione, un paragrafo, una lista per scandire gli argomenti.

Torna indietro <